Efficacia del tè verde sulle funzioni cerebrali

Il tè verde (Camellia sinensis) viene consumato da migliaia di anni e numerose sono le evidenze che lo associano a importanti benefici per la salute umana. Dal momento che il tè verde riscuote un successo enorme anche in occidente e milioni di persone lo utilizzano in tutto il mondo, è importante capire quali siano i suoi effetti sul cervello umano. Con questo obiettivo, gli autori di questa revisione hanno valutato lo stato delle conoscenze in letteratura per quanto riguarda gli effetti del tè verde o degli estratti di tè verde sulla neuropsicologia in generale, su sottocategorie cognitive e sulle funzioni cerebrali negli esseri umani. Gli studi sono stati individuati ed estrapolati attraverso interrogazione della banca dati PubMed e sono stati quindi selezionati sulla base dei criteri di eleggibilità dettagliati nel report. È stata in seguito implementata una valutazione qualitativa e sono stati estratti i dati; il tutto seguendo le linee-guida PRISMA. Sono stati esaminati 21 studi: 4 di questi erano randomizzati e controllati, 12 erano cross-over (valutati con una versione adattata della lista DELPHI sulla qualità degli studi), 4 erano trasversali e 1 di coorte (valutati con una versione adattata della scala Newcastle-Ottawa per misurare la qualità degli studi di coorte e caso-controllo). La qualità media degli studi considerati attraverso DELPHI è risultata buona (8.06/9); buona è risultata anche la qualità stabilita attraverso scala Newcastle-Ottawa (6,7/9). L’analisi dei risultati ha evidenziato che il tè verde influenza sintomi psicopatologi (determinando – ad esempio – una riduzione dell’ansia), variabili cognitive (benefici sulla memoria, sull’attenzione e altro) e funzioni cerebrali come, ad esempio, l’attivazione della memoria di lavoro rilevata attraverso risonanza magnetica funzionale. È emerso chiaramente che gli effetti del tè verde non possono essere attribuiti a un singolo costituente della bevanda; infatti, sono stati osservati determinati effetti benefici del tè verde sulla cognizione sotto l’influenza combinata della caffeina e della l-teanina, mentre la somministrazione separata delle due componenti è risultata avere un impatto minore. Revisione della letteratura realizzata da associati a vari istituti, fra questi: University of Basel, Department of Psychiatry, Wilhelm Klein Str. 27, 4012 Basel, Svizzera.

 

Mancini E, Beglinger C, Drewe J, Zanchi D, Lang UE, and Borgwardt S. Green tea effects on cognition, mood and human brain function: A systematic review. Phytomedicine. 2017Oct15;3426-37.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here