Indagato il meccanismo d’azione della valeriana

L’estratto di valeriana (Valeriana officinalis) è un popolare rimedio utilizzato principalmente per il trattamento dell’ansia e dei disturbi del sonno. Gli effetti ansiolitici e sedativi di questa pianta sono attribuiti principalmente alla modulazione della trasmissione GABA-ergica, ma il meccanismo d’azione nell’uomo non è stato studiato a fondo. Per chiarire i meccanismi d’azione delle sostanze psicoattive a livello corticale nell’uomo si possono utilizzare protocolli di stimolazione cerebrale non invasivi. In particolare un recente studio in doppio cieco, randomizzato, cross-over, controllato con placebo ha preso in esame gli effetti di una singola dose di estratto di valeriana sull’eccitabilità corticale valutata tramite stimolazione magnetica transcranica (TMS). Vi hanno partecipato quindici volontari sani che hanno assunto 900 mg di estratto di radice di valeriana (acido valerenico 0,8%) oppure placebo, ossia una dose uguale di vitamina E. L’eccitabilità della corteccia motoria è stata studiata con stimolazione magnetica transcranica prima e 1 ora e 6 ore dopo la somministrazione orale. L’eccitabilità corticale è stata valutata utilizzando diversi parametri quali soglia motoria a riposo, periodo silente corticale, inibizione intracorticale a breve intervallo, facilitazione intracorticale ecc. È stata riscontrata una riduzione significativa dei circuiti di facilitazione intracorticale (ICF), senza cambiamenti significativi degli altri parametri dell’eccitabilità della corteccia motoria presi in considerazione. I valori di ICF sono tornati a quelli di partenza 6 ore dopo l’assunzione dell’estratto di valeriana. La conclusione di questo lavoro è che una singola dose orale di estratto di valeriana modula i circuiti di facilitazione intracorticali. Questi risultati, ottenuti su soggetti sani, commentano gli autori, potrebbero essere degli indicatori predittivi della risposta al trattamento in soggetti con turbe del sonno o disturbo d’ansia e sostenere l’uso di piante medicinali per questi problemi nell’uomo.

Fonte: Mineo L, Concerto C, Patel D, Mayorga T et al. Valeriana officinalis Root Extract Modulates Cortical Excitatory Circuits in Humans. Neuropsychobiology. 2017;75(1):46-51. doi: 10.1159/000480053.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

L’Erborista © 2018 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151