Aumentano le vendite di cosmetici nelle erboristerie

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ancora un risultato positivo per le vendite di cosmetici nelle erboristerie italiane che, per il primo semestre 2016, vedono una previsione di crescita del 2%. Questo incremento segue le buone performance del 2015 (che ha registrato un mercato di € 431 milioni e un aumento del 2.9% rispetto all’anno precedente) e del 2014 (+2.4% rispetto al 2013). Un risultato anche migliore di quanto prodotto dai canali tradizionali le cui stime per il primo semestre di quest’anno sono un po’ meno rosee: profumerie +0.6%, grande distribuzione +1.5% e farmacie +1.6%. A soffrire di più sono i canali professionali, complice anche la contrazione generale del fatturato: estetiste (-3.2%) e acconciatori (-2%). A presentare questi dati è stato Gian Andrea Positano, del “Centro Studi e Cultura d’impresa”, in occasione dell’assemblea generale del Gruppo Cosmetici Erboristeria (GCEr) tenutasi il 24 giugno scorso. Di fronte ai soci e al presidente del gruppo, Antonio Argentieri, Positano ha illustrato l’”Analisi dell’andamento congiunturale e dei nuovi trend del settore” sottolineando che le proiezioni premiano soprattutto le vendite dirette (comprendenti le transazioni online e a domicilio) e i terzisti. In valore assoluto, naturalmente, i primi canali di vendita restano quelli tradizionali:

  • la GDO, per il 2015, ha registrato un fatturato di € 4.1 miliardi (+1.2% rispetto all’anno precedente) pari al 42% di tutti i consumi di cosmetici in Italia;
  • il canale profumeria sfiora quota € 2 miliardi (+0.9% sul 2014) e copre il 19.9% delle richieste;
  • le farmacie superano gli € 1.8 miliardi (+1.5%) con una quota di mercato pari al 18.6%

Le erboristerie, comunque, pur con una quota ancora modesta (4.4%) hanno registrato negli ultimi dieci anni un aumento proporzionalmente consistente visto che nel 2006 si attestavano al 3.4%. Nel quadro dei prodotti cosmetici, i clienti si rivolgono all’erboristeria soprattutto per l’acquisto di prodotti dedicati alla cura del corpo (26% del totale), del viso (18%) e dell’igiene personale (17%). Meno consistenti le vendite di profumi (11%), prodotti per il trucco (7%) e per la cura dei capelli (7%). Punto di forza delle erboristerie è la professionalità degli operatori che, nel 23.4% dei casi, viene indicata come la principale motivazione d’acquisto, un fattore importante quanto la presenza di un professionista in farmacia (il farmacista raccoglie il 22.8% delle preferenze).

by Simone Montonati

 

 

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

L’Erborista © 2017 Tutti i diritti riservati

© 2014 Tecniche Nuove Spa • Tutti i diritti riservati. Sede legale: Via Eritrea 21 - 20157 Milano.
Capitale sociale: 5.000.000 euro interamente versati. Codice fiscale, Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano: 00753480151